CAT | Altre attività
15707
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15707,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-9.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Svuota Cantine

Fra le molteplici attività di cui si occupa il CAT, dal 2016 vi è anche l’organizzazione dello Svuota Cantine, mercato popolare volto a rimettere in circolo abiti, materiali, giochi, mobili e suppellettili dando loro nuova vita ed utilità.
L’evento si svolge presso l’area adiacente il parcheggio della Casa del Popolo di Grassina in via Abebe Bikila.

Torneo delle Contrade di Grassina

I cavalli che galoppano in mezzo alle case, le contrade, il Palio da conquistare: non è Siena nel giorno dell’Assunta, ma Grassina nel 1946.
Una Grassina che non perdeva occasione per fare festa e che per la fiera del bestiame organizzò il Palio delle contrade, ma non esistono libri né foto su questo evento che ha movimentato la vita del paese e nemmeno si sa se questo avvenimento avesse origini più antiche.
Tutto è affidato alla memoria di chi allora era bambino, quello che rimane oggi è solo la targa della vittoria ancora murata in via Costa al Rosso sulla parete di una casa.
Le contrade erano sei: Barca, Centro, Stella, Mestola, Rana, Tegola. In questi nomi, che delimitavano piccole porzioni del paese, a volte solo una manciata di case, ci sono i vecchi mestieri di Grassina e qualche usanza o soprannome andati ormai perduti.
Ogni contrada si buttava anima e corpo nella preparazione dell’evento, chi addobbando le porte con la carta velina, chi stendendo una corda da un lato all’altro della strada per appendere festoni con il simbolo del proprio rione, chi mettendo un drappo rosso sul davanzale.
I cavalli partivano dall’ingresso del paese, dalla rampa alla fine del viale alberato e correvano fino alla piazza; all’arrivo, la folla in festa e la banda. Durante l’anno le contrade si sfidavano in altre gare di bravura, come nella festa della rificolona, ma la tradizione non durò a lungo.

Nel 1950 qualcosa andò storto, forse un bisticcio fra gli organizzatori, forse i cavalli che cadevano, il Palio pare fosse già stato preparato dal Piombanti, ma la corsa non ci fu. E quella ricordata dalla targa del 1946 è rimasta l’ultima.
Quando, molti anni dopo, furono organizzati i tornei di calcio fra le contrade di Grassina, quasi nessuno sapeva della bella tradizione del Palio.
Un pò come la Rievocazione Storica, grazie ad un gruppo di appassionati giovani grassinesi ed anche all’interessamento del CAT, le contrade rinacquero e a tutt’oggi quando arriva la stagione buona, anche i Grassinesi tornano a sfidarsi in nuove discipline nelle varie zone del paese, come facevano i loro avi tanti anni fa…

Testo liberamente tratto e adattato dal sito ufficiale delle contrade di Grassina

Cavalcata dei Re Magi

E’ ormai da diversi anni che il giorno dell’ Epifania, il CAT onlus organizza la sfilata dei Re Magi, appuntamento finale delle manifestazioni che di solito vengono organizzate nel paese durante le festività natalizie.
La mattina del 6 di Gennaio, un corteo storico, composto dai Re Magi a cavallo e i Paggetti attraversa il paese per arrivare successivamente alla chiesa di San Michele a Tegolaia dove i Magi, davanti al presepe costruito sul sagrato della chiesa, donano al Bambin Gesù i loro omaggi.

Il Presepe Vivente

E’ ormai tradizione consolidata da anni che durante il periodo natalizio, nelle manifestazioni che normalmente vengono realizzate nelle settimane antecedenti al Natale, venga inserito il Presepe vivente organizzato dal CAT.

Un corteo storico formato dai Re magi e da Pastori, parte dalla sede principale dell’associazione per dirigersi, attraversando il paese, nella piazza centrale dove i Re Magi portano i loro doni alla grotta del Gesù Bambino.

Secured By miniOrange